domenica 31 gennaio 2016

ABBIAMO LAVORATO

Il bilancio di questo primo anno di attività può essere considerato abbastanza positivo anche se avremmo voluto fare di più.
Purtroppo le difficoltà sono tante e di diversa natura. Nonostante questo siamo riusciti ad organizzare degli eventi mirati soprattutto all'area della prevenzione e dell'informazione riguardante il gioco d'azzardo patologico.

1) Abbiamo organizzato il 27 novembre una conferenza in collaborazione con l'Associazione Amici Istituzione scolastica San Francesco con l'intento di sensibilizzare i genitori degli studenti anche più piccoli alla problematica del gioco d'azzardo minorile. una piaga che oramai si è sviluppata anche nella nostra cara regione.

2)  Nei mesi di Dicembre 2015 e Gennaio 2016 siamo stati presenti con un corso di prevenzione e informazione, in collaborazione  con  Projet formation S.C.R.L. nella scuola professionale di Chavonne con le classi delle professione di parrucchieri, estetisti, idraulici ed elettricisti con incontri di n° 4 ore per classe per un totale di 16 ore: redditizio confronto su tutte le problematiche che riguardano il coinvolgimento dei giovani nel gioco d'azzardo. ( capillarità della distribuzione, false aspettative, sicurezza della perdita, pubblicità fuorviante, messaggi sublimali etc etc ).

3) Stiamo cercando ancora di organizzare corsi professionali per giocatori di tipo rieducativo al recupero  dell'uso del tempo libero ed al ripristino delle capacità individuali e all'uso delle stesse nella vita quotidiana.

4) abbiamo alcuni  progetti di attività pratiche per ragazzi più giovani  atte a mettere in contrapposizione il divertimento ludico abbinato alle capacità personali con il gioco d'azzardo puro che con queste capacità non ha niente a che fare.

Affronteremo il 2016 con la stessa forza e determinazione fin qui messa in campo sperando che gli aiuti delle istituzioni e di tutte le forze civili sociali e politiche siano più evidenti e pratiche non solo economicamente ma soprattutto con una scelta vera di indirizzo chiaro verso il contrasto del gioco d'azzardo patologico.



















Al prossimo vaneggio











giovedì 17 settembre 2015

Quasi Quasi

Difficile. Difficile. Difficile.
 Informazione. Informazione. Informazione.
Prevenzione. Prevenzione. Prevenzione.
Organizzazione. Attuazione. Risultato.

Queste sono le parole che negli ultimi otto mesi mi sono venute in mente più spesso. Sembra quasi che nel settore dove noi cerchiamo di operare il GAP ci sia come una sorta di situazione " neutrale "  dove l'importanza di questi termini non sia così rilevante.

L'informazione sui dati reali del  gioco d'azzardo patologico è difficilmente raggiungibile ( se esistono dei dati seri e controllati), quindi non si riesce a divulgare l'importanza del problema in modo serio se non con articoli presi qui e là  e pubblicati da qualcuno che è già interessato al problema.

I mass media pubblicano articoli soprattutto quando succedono delle vincite cospicue o quando ci sono reati importanti commessi da sedicenti giocatori. Hanno nei loro badget pubblicitari clienti che commissionano spot pubblicitari ingannevoli ( ti piace vincere facile' ; il gioco è vietato ai minori ).

La prevenzione sul gap è praticamente inesistente. I nostri giovani hanno possibilità di giocare ovunque senza tutti quei controlli che sarebbero necessari. Addirittura sembra che la maggior parte di essi non abbiano neanche il controllo genitoriale sull'uso del computer e dei filtri per non accedere a certi siti che di gioco d'azzardo si occupano.

Se ci mettiamo anche la difficoltà che incontra il giocatore patologico ad intraprendere una cura sia per proprie  responsabilità sia per la convinzione generale della non gravità della patologia mi vengono in mente dei pensieri strani.

Quindi sembra che questa sia una non malattia.

Quasi quasi torno a giocare.

 No non ci torno a giocare perchè diventare un giocatore patologico ti fa stare veramente male, ti ruba l'intelligenza, ti ruba la voglia, ti ruba la vita. Io lo so. E' UNA VERA PATOLOGIA CHE HA BISOGNO DI CURE E ASSISTENZA VERA io lo so.


Al prossimo vaneggio

giovedì 18 giugno 2015

Il progetto va avanti

Siamo stati in silenzio per un po di tempo.

Questo è accaduto non perchè l'associazione si è arenata ma perchè abbiamo incominciato ad utilizzare  il nostro tempo e le nostre energie nei progetti che ci eravamo  prefissati all'atto della fondazione.

Quindi ci sembra il caso di aggiornare, chi può essere interessato, degli eventi che abbiamo iniziato e continuato ad organizzare in associazione e della nostra partecipazione a momenti di prevenzione e informazione fatti  sul campo, sulla strada.

- Il gruppo di auto mutuo aiuto continua a funzionare e osiamo dire che ha raggiunto una buona situazione di     stabilità e continuità tanto che oramai si può dire di avere una condizione stabile duratura ed acquisita.

- Abbiamo partecipato, con un banchetto atto a dare informazioni e fare prevenzione in materia di gioco         d'azzardo nell'ambito dei tre giorni della festa del Quartiere Dora. 

- Proseguiamo  il nostro progetto collaborativo con le Istituzioni al fine di operare da collante tra la strada, la gente e gli stessi enti curanti, amministrativi, politici ecc con particolare attenzione, da una parte ad un discorso preventivo, dall'altra a un impegno particolare e più incisivo nella relazione di aiuto dei casi più complicati di giocatori arrivati a livelli patologici  importanti al fine di inserimenti in percorsi di cura specifici e professionali.

Vogliamo anche commentare l'approvazione della nuova legge sul gioco d'azzardo approvata in questi giorni con un: FINALMENTE.
Pensiamo che, al di la delle parti della stessa che possono sembrare troppo morbide o ancora troppo permissive, si sia fatto un passo avanti nella consapevolezza della gravità della situazione creata dal gioco d'azzardo e che da qui si possa continuare a discuterne e lavorare per evitare al massimo il dilagare di un fenomeno super deleterio come la malattia che il gioco stesso può creare.

Da parte nostra  proseguiamo a lavorare su questa falsa riga con progetti di cui parleremo nei prossimi tempi.
 
Al prossimo vaneggio

domenica 29 marzo 2015

E ADESSO AL LAVORO: L'ASSOCIAZIONE E' NATA

EEEEEEEGGIA' SIAMO NATI EFFETTIVAMENTE ANCHE DAVANTI ALLA GENTE, NON SOLO SOTTO IL PROFILO BUROCRATICO.

E ADESSO MOLTO PROBABILMENTE VIENE IL DIFFICILE.
MA, SIAMO PRONTI, MOTIVATI A PARTIRE PER QUESTA AVVENTURA CON FORZA E DETERMINAZIONE PER CERCARE DI PREVENIRE IL PIU' POSSIBILE QUESTA PROBLEMATICA CHE E' IL DILAGARE   DEL GIOCO D'AZZARDO
CON L'INFORMAZIONE E CON LA REALIZZAZIONE DEI NOSTRI PROGETTI.
 
VERRANNO POSTATI IN SETTIMANA IL CALENDARIO DEGLI APPUNTAMENTI DEI GRUPPI DI AUTO MUTUO AIUTO E GLI OBBIETTIVI SPECIFICI DELL'ASSOCIAZIONE

RICORDIAMO A TUTTI  IL SERVIZIO DI SOS GIOCO D'AZZARDO, GIA UTILIZZABILE ATTRAVERSO IL NUMERO DI CELLULARE 3802057637 ATTIVO 24 h SU 24 h.

SI COMINCIA, AUGURI A TUTTI E CIAO AL PROSSIMO VANEGGIO

giovedì 12 marzo 2015

Presentazione dell'Associazione

Attenzione, Attenzione l'associazione " MIRIPIGLIO SOS GIOCO D'AZZARDO " Vi aspetta Sabato 28 Marzo alle ore 16,30 nei locali del Centro del Volontariato in via Xavier de Maistre n° 19 per la presentazione al pubblico. Nell'occasione verranno illustrati gli obbiettivi e le motivazioni per cui l'Associazione è nata.
E' invitato chiunque possa essere interessato alle problematiche del problema.Partecipate numerosi.
                                                                                                            Miripiglio

domenica 22 febbraio 2015

E' NATA L'ASSOCIAZIONE MIRIPIGLIO SOS GIOCO D'AZZARDO

FINALMENTE CE L'ABBIAMO FATTA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

Sabato 21 febbraio 2015 ci siamo trovati per la prima volta  in veste ufficiale: la nostra associazione finalmente ha visto la luce.

L'organizzazione ha la sede legale c/o CSV in via xavier de Maistre, 19 nel comune di Aosta.

In questa riunione abbiamo incominciato a darci un embrione di organizzazione  e abbiamo stilato un programma di massima decidendo quindi le giornate programmate al fine di incontrarci e incontrare chiunque senta l'esigenza di confrontarsi con questa grandissima problematica che è il gap.

Mettiamo altresi, già da subito, a disposizione il contatto telefonico di sos gioco d'azzardo che risponde al n° 3802057637 dove chiunque si trovi in difficoltà potrà rivolgersi per un primo contatto con la nostra associazione.

Gli incontri di auto mutuo aiuto si svolgeranno in linea di massima nei giorni di sabato mattina nei locali del centro del volontariato con orario dalle 9.30 alle 11.30.

Seguiranno notizie sul nostro programma riguardante tutte le nostre attività

                                                                                                                MIRIPIGLIO

lunedì 12 gennaio 2015

COMUNICATION

Certo è difficile comunicare. Soprattutto è difficile comunicare un malessere. Questo noi lo sappiamo bene dato che ci abbiamo messo una vita per riuscire a farlo. Per riuscire ad ammettere davanti agli altri, ma soprattutto a noi stessi il malessere che ci attanagliava. Abbiamo messo una vita ad assumerci le nostre responsabilità e intraprendere finalmente una nuova strada che facesse in modo di riuscire a farci dare quella famosa sterzata nella nostra vita in modo di affrontare la stessa in modo diverso, in modo costruttivo.

Quello che facciamo fatica a spiegarci è tutto questo qualunquismo cosmico da parte praticamente di tutti davanti a un progetto che per la Valle d'Aosta può considerarsi nuovo. Non vogliamo credere possibile che questo stesso progetto, con tutte le sue imperfezioni, tutti i suoi errori e tutte le sue difficoltà iniziali non interessi a nessuno. Perlomeno ci si aspetta qualche contatto, qualche richiesta di informazioni e anche di più qualche critica costruttiva se non addirittura qualche consiglio per migliorare il progetto stesso.

E' difficile comprendere il perchè di questa non considerazione soprattutto da parte di chi si occupa, sia in modo volontario, sia professionalmente di assistenza e cura nel'ambito delle dipendenze.

La nostra considerazione in merito è che le dipendenze e in particolare modo la dipendenza da gioco d'azzardo sia nonostante tutto considerata ancora una patologia minore. Possiamo anche pensare che sia considerata ancora, più o meno da tutti una non patologia.

Noi non la pensiamo assolutamente così e andiamo avanti con umiltà con i nostri progetti al fine, speriamo, di riuscire a creare almeno una rete di ascolto e di condivisione di tutte le problematiche che il gioco d'azzardo patologico crea.

Siamo sicuri che la  costanza nel perseguire questa strada sia prima o poi capita e che arriverà il giorno che anche le persone con esperienze difficili di vita vissuta vengano considerate idonee per i contributi che possono e vogliono dare con lo scopo di affrontare finalmente un problema.

al prossimo vaneggio con le nuove informazioni riguardanti associazione Miripiglio